Questo articolo contiene collegamenti a prodotti o servizi di uno o più dei nostri inserzionisti o partner. Potremmo ricevere una commissione quando clicchi o effettui un acquisto utilizzando il nostro sito. Scopri di più su come guadagniamo.

Mining di bitcoin: Posso guadagnare soldi facendolo?

Il mining di bitcoin mantiene sicura la blockchain e ricompensa i miner con nuovi bitcoin.

I nuovi Bitcoin (BTC) sono creati attraverso un processo noto come “mining”. Il mining coinvolge l’uso di computer dalla notevole potenza di calcolo, in quanto devono risolvere problemi matematici complessi, che sono necessari per aggiungere nuove transazioni. Questi problemi sono risolti ogni 10 minuti, con nuovi bitcoin che vengono creati durante questo processo come ricompensa per aver aggiornato la blockchain.

Disclaimer: Queste informazioni non devono essere interpretate come un’approvazione all’uso delle criptovalute o di uno specifico servizio. Non è una raccomandazione all’investimento.

Che cos’è il mining?

Ogni volta che viene eseguita una transazione in bitcoin, viene trascritta su un blocco che contiene altre transazioni recenti, come se fosse una pagina di un libro mastro. Una volta che il blocco è pieno, i miner di bitcoin competono l’uno con l’altro per verificare e validare il blocco con tutte le sue transazioni risolvendo un problema crittografico complesso.

Il primo miner che completa la risoluzione viene premiato da un importo prefissato di bitcoin, che si basa sulla difficoltà di mining in quel momento. Il blocco verificato viene poi aggiunto alla blockchain, uno storico di tutti i blocchi verificati sin dagli inizi del bitcoin e viene poi trasmesso a tutti gli utenti bitcoin così possano avere l’ultima blockchain aggiornata.

Per una spiegazione più dettagliata sulla blockchain, leggi la nostre guida qui.

Proof of work (prova di lavoro)

Al centro del mining di bitcoin c’è un problema matematico complesso. L’obiettivo è garantire che il processo di aggiunta di un nuovo blocco alla blockchain richieda molto lavoro. Questo aiuta ad assicurarsi che qualsiasi hacker che manometta le transazioni abbia anche bisogno di vincere la “gara” del mining di bitcoin.

Quindi, come funziona?

Basi della crittografia

SHA-256, l’algoritmo di mining usato da bitcoin, è un algoritmo crittografico irreversibile. Quando cambi una parola in codice SHA-256, riceverai una stringa irriconoscibile di numeri e lettere chiamata “HASH”.

Per esempio, il corrispettivo in codice SHA-256 della parola “BUTTERFLY” (sorgente) è “8c62ace4f9ef8ccd08ca6fb992a8524bb7dbdc0530654bd254c9da07a660949a” (HASH). Questa apparentemente stringa casuale di lettere e numeri ha tre importanti proprietà:

  1. Solo la parola “BUTTERFLY” avrà quello specifico HASH.
  2. Alla parola “BUTTERFLY” corrisponderà sempre quel preciso HASH.
  3. Non c’è modo di risalire alla parola “BUTTERFLY” se conosci solo l’HASH.

Con questa informazione, ora possiamo iniziare a mettere insieme i pezzi del processo di mining.

Il processo di mining

Il mining di bitcoin coinvolge tre variabili: il blocco, la difficoltà di mining e un numero casuale. Ecco come funziona nell’insieme:

Immaginiamo che il nostro blocco consista nella parola “BUTTERFLY” menzionata in precedenza. In realtà, il blocco conterrebbe una lista di transazioni recenti e non verificate, ma semplifichiamo il tutto. Per risolvere il blocco, bitcoin usa un test apparentemente semplice: se l’HASH risultante del blocco inizia con un certo numero di zeri, il blocco è considerato verificato. Questo numero di zeri è la “difficoltà di mining” ed aumenta all’aumentare di miner che si uniscono alla rete bitcoin. Per il nostro esempio, diciamo che abbiamo una difficoltà di mining pari a due. Perciò, il nostro HASH deve iniziare con due zeri.

Il problema: “BUTTERFLY” restituirà sempre lo stesso HASH, e non inizia con due zeri. Perciò, ci serve una terza variabile, un numero casuale (chiamato NONCE). Prendiamo questo numero, lo combiniamo con “BUTTERFLY”, e generiamo un nuovo HASH. Se ancora non inizia con due zeri, cambiamo il numero e riproviamo e, dal momento che ogni piccolo cambiamento genererà un intero HASH differente, non c’è modo di stabilire il numero di tentativi che andranno fatti per risolvere il problema.

Ripetiamo, quindi, il processo più e più volte finché non troviamo un numero che, quando combinato con la parola “BUTTERFLY”, ci restituisce un HASH che inizia con due zeri. Quella stringa sarà la soluzione al blocco. Qui di seguito, alcuni tentativi:

SorgenteHash
BUTTERFLY0d5323edd7edbefa4eaf479576dbec336329c9b3ee2733a961c36827013a93fd6
BUTTERFLY1f9c569a7f73712fcbacf2eb3c9a52104af523b8ebcbf3a08480be1213016f5e3
BUTTERFLY2880207ac39840e8575515f31d9a748dc2130d678dbc51d43059f70421099e4e1
BUTTERFLY3d99f664274ca90f08ab9ce9e44db06822b8acc49f652dd46213a2bb0deef8b58
BUTTERFLY442a166008dd1f2c4312eff11b707bae61d87738d1d568e66a95fa2fcd53d45c0
BUTTERFLY5f212c60594fe43cb9cdae6f7e4b44bb870ce1784ecd77d76d6074c07cd895f84
BUTTERFLY6a4aef6d35da553583ff4a6ce6e772eb4683d8fbdc6e7eda75cf1a26b44f63135

Questo complicato processo di tentativi casuali per cercare di trovare il numero che dà la soluzione è quello che rende il mining di bitcoin un processo caro, sia dal punto di vista della potenza che deve avere un calcolatore, sia per l’energia elettrica che consuma. E più miner si uniscono alla rete, più difficile diventa. A Novembre 2017, un computer di casa, quindi non un un circuito integrato di applicazione specifica (ASIC) e non facente parte di una rete di cloud mining, impiegherebbe circa 2,7 milioni di anni per minare un blocco.

Ciò ha portato alla nascita di computer ASIC costruiti specificatamente per il mining e per aumentare il cloud mining.

Evoluzione del mining di bitcoin

  • CPU mining. Nei primi giorni del bitcoin, la difficoltà di mining era bassa e non c’erano molti miner a competere per blocchi e ricompense. Questo faceva sì che valesse la pena usare l’unità di elaborazione centrale (CPU) del tuo computer per minare bitcoin. Tuttavia, ben presto questo approccio venne sostituito dal GPU mining.
  • GPU mining. Un’unità di elaborazione grafica (GPU) è un potente processe il cui unico scopo è quello di aiutare la scheda grafica del tuo computer a rappresentare grafiche 3D. Le GPU non sono realizzate per decisioni esecutive (come le CPU) ma sono ottime per lavoratrici, dato che le GPU sono in grado di eseguire 800 istruzioni in più nella stessa quantità di tempo di una CPU. Il mining è un processo ripetitivo che non richiede alcuna decisione intelligente, consentendo così alle GPU di sostituire la CPU nel mondo del mining.
  • FPGA mining. Successivamente, è arrivato il mining con field-programmable gate arrays (FPGA). Queste GPU e CPU con prestazioni notevolmente superiori nel mining sono processori che possono essere programmati per eseguire istruzioni specifiche e solo quelle istruzioni (invece di essere riproposte per il mining, come avveniva per le GPU).
  • ASIC mining. Simili ai FPGA, i circuiti ASIC sono degli integrati progettati per uno scopo specifico, nel nostro caso minare bitcoin, e nient’altro. Gli ASIC per bitcoin vennero introdotti nel 2013 e, almeno fino a novembre 2017, rappresentavano i migliori processori disponibili per minare bitcoin e fornire prestazioni superiori ai FPGA in termini di consumo di energia.
  • Mining pools. Per contrastare la difficoltà di minare un blocco, i miner iniziarono ad organizzarsi in pools o reti di cloud mining. Ogni volta che un minatore di una di queste pool risolve un blocco, la ricompensa è condivisa con tutti i partecipanti in proporzione al lavor svolto all’interno del pool (anche se tu non hai mai personalmente risolto un puzzle).
  • Cloud mining. Le cloud offrono ai potenziali minatori la capacità di acquistare piattaforme di mining da remoto. Ci sono molti ovvi vantaggi: il più ovvio è che non ci sono costi di elettricità, nessun surriscaldamento dei componenti hardware e nessuna attrezzatura da vendere quando decidi di smettere di fare il minatore e “appendere virtualmente il piccone al chiodo”.

Bitcoin computer mining

Dove custodisco i miei bitcoin minati?

Una volta che i miner ricevono bitcoin, gli viene data una chiave digitale degli indirizzi. Puoi usare questa chiave digitale per accedere e validare o approvare transazioni.

Puoi tenere queste chiavi digitali al sicuro con una serie di opzioni di wallet:

  • Desktop. Programmi come Bitcoin Core ti permettono di inviare e memorizzare indirizzi bitcoin e anche di connetterti alla rete per monitorare le transazioni.
  • Online. Le chiavi bitcoin vengono memorizzate online dalle piattaforme di exchange come Coinbase o Circle e si può accedervi da qualsiasi luogo.
  • Mobile. Applicazioni come Blockchain conservano e criptano le tue chiavi bitcoin, in modo tale che tu possa effettuare pagamenti usando il tuo dispositivo.
  • Paper. Alcuni siti web offrono servizi di paper wallet, ovvero generano un pezzo di carta con due codici QR su di esso. Un codice è l’indirizzo pubblico al quale ricevi bitcoin e l’altro è l’indirizzo privato che puoi usare per spendere.
  • Hardware. Puoi usare un dispositivo USB creato specificatamente per custodire bitcoin e le tue chiavi private.

Si può ancora guadagnare denaro dal mining di bitcoin?

Guadagnare dal mining di bitcoin è molto più difficile oggi. Nel seguente elenco, vediamo quali sono i problemi che contribuiscono a queste difficoltà:

  • Prezzi dell’hardware. I tempi del mining usando il proprio computer o una semplice scheda grafica sono finiti da un pezzo. Dato che più persone hanno iniziato a minare, la difficoltà di risolvere gli enigmi è cresciuta a dismisura. I microchip ASIC sono stati sviluppati per risolvere i problemi più velocemente e sono diventati necessari per partecipare al mining per come è oggi. Questi chip costano 2500€ o più e non è escluso che possano aumentare ancora in relazione ad ogni miglioramento o aggiornamento futuro.
  • Aumento dei miner organizzati. Fare il miner per hobby non è più possibile: oggi si va a competere per grandi profitti con organizzazioni aziendali molto più grosse e migliori di te.
  • Difficoltà dei puzzle. Il protocollo di bitcoin regola la difficoltà di calcolo dei puzzle per finire un blocco ogni 2016 blocchi. Maggiore è la potenza di calcolo impiegata nel mining, più difficile è il puzzle.
  • Costi dell’energia elettrica. Hai idea di quanto possa costare in Italia dal punto di vista delle bollette della luce da pagare? Tra l’altro, abbiamo la sfortuna di essere in uno dei paesi in cui l’energia è ben più cara rispetto ad altre parti del mondo, ed è lì che si concentrano la gran parte dei minatori oggi.

Quando si discute sulla fattibilità del mining di bitcoin, la variabile del consumo di energia elettrica è quella più inaspettata e che può prendere alla sprovvista. Raramente consideriamo quanta energia consumano i nostri apparecchi elettrici. Ma il calcolo di un hash è un’elaborazione così intensiva che spinge i processori che stai usando al limite (e se si rompono, li devi sostituire) ed al suo massimo consumo energetico. Perciò, la domanda a cui rispondere è: la spesa vale davvero l’impresa? Ovvero, la ricompensa di bitcoin che guadagni in mining è abbastanza da recuperare i costi dell’energia?

Se stai usando per minare CPU/GPU/FPGA, la risposta è un no assoluto. A partire da Novembre 2017, la ricompensa in bitcoin è così piccola che non sarebbe sufficiente a pagare per l’energia che il tuo computer consumerebbe a verificare un blocco.

Rimangono pools, ASICs e cloud mining. Se non sei disposto a metterci un sacco di soldi per impostare un’operazione di mining, la migliore scommessa potrebbe essere quella di dotarti di un impianto di cloud mining. Costano relativamente poco, non richiedono conoscenza hardware per iniziare, non ci sono costi aggiuntivi nelle bollette dell’elettricità e non ti resterà una macchina che non potrai vendere quando il mining di bitcoin non sarà più profittevole.

Confronta i fornitori di cloud mining di bitcoin

Attenzione al cloud mining

Il cloud mining non sarà quasi mai profittevole. Questo è dovuto al fatto che il punto di break-even (pareggio) ,ovvero il momento in cui farai gli stessi soldi dal cloud mining rispetto a quelli che hai investito, continuerà ad allontanarsi e generalmente non sarai in grado di raggiungerlo.

Il motivo per cui si allontana è che la difficoltà del mining di bitcoin tende ad aumentare nel tempo, specialmente se lo fanno i prezzi del bitcoin stesso. Questo significa che l’importo di bitcoin che otterrai dal cloud mining generalmente diminuirà nel tempo, il che porterà ad allontanare il punto di break-even. La difficoltà di minare Bitcoin potrà scendere solo se scendono i prezzi del bitcoin, ma se ciò accade i tuoi bitcoin valgono meno. E questo, a sua volta, allontanerà il punto di break-even.

Perciò, anche se un contratto di cloud mining potrà sembrare profittevole, hai comunque più possibilità di perdere più di ciò che puoi guadagnare.

Nei rari casi in cui un contratto di cloud mining dovesse rivelarsi profittevole, sarebbe stato ancora più profittevole e semplice comprare criptovalute piuttosto che minarle.

Dove comprare criptovalute

1 - 2 of 2
Name Product Payment methods Payment currencies Mineable coins
Hashflare Cloud Mining
Hashflare Cloud Mining
Genesis Mining
Genesis Mining
loading

Compare up to 4 providers

Conclusioni

I costi crescenti del mining e la competizione contro grandi organizzazioni come le mining pool rendono più difficile per un semplice appassionato fare profitti dal mining di bitcoin.

È virtualmente impossibile minare abbastanza bitcoin tali da recuperare il costo iniziale dell’attrezzatura e dell’elettricità.

Le domande più frequenti

Disclaimer: Le criptovalute sono speculative, complesse e comportano rischi significativi, poiché sono altamente volatili e sensibili alle attività secondarie. Le prestazioni sono imprevedibili e le prestazioni passate non garantiscono prestazioni future. Considera le tue esigenze e chiedi consiglio autonomamente prima di affidarti a queste informazioni. Prima di prendere qualsiasi decisione, è inoltre necessario verificare la natura di qualsiasi prodotto o servizio (compreso il suo status giuridico e i pertinenti requisiti normativi) e consultare i siti web delle autorità di regolamentazione pertinenti. Finder, o l’autore, può avere partecipazioni nelle criptovalute discusse.

More guides on Finder

Ask an Expert

You are about to post a question on finder.com:

  • Do not enter personal information (eg. surname, phone number, bank details) as your question will be made public
  • finder.com is a financial comparison and information service, not a bank or product provider
  • We cannot provide you with personal advice or recommendations
  • Your answer might already be waiting – check previous questions below to see if yours has already been asked

Finder.com provides guides and information on a range of products and services. Because our content is not financial advice, we suggest talking with a professional before you make any decision.

By submitting your comment or question, you agree to our Privacy Policy and Terms.

Questions and responses on finder.com are not provided, paid for or otherwise endorsed by any bank or brand. These banks and brands are not responsible for ensuring that comments are answered or accurate.
Go to site